Cervicobrachialgia e omotossicologia iniettabile

Cervicobrachialgia e omotossicologia iniettabile

Cervicobrachialgia e omotossicologia

Cervicobrachialgia e omotossicologia

Nella cervicobrachialgia è utile la omotossicologia iniettabile come terapia antinfiammatoria miorilassante e analgesica priva di controindicazioni degne di nota. La omotossicologia iniettabile è applicata  sulla cervicale, sulle braccia e su i punti di agopuntura a distanza coerenti con la terapia del dolore.  Si tratta di una tecnica avanzata integrata in una terapia che non si deve concludere solo come atto terapeutico locale. L’impiego della metodica  è considerevole in tutte le patologie degenerative e infiammatorie delle articolazioni che provocano dolore e disfunzione. Nella cervicobrachialgia si applica infiltrando  punti di agopuntura   a tre livelli di profondità costituendo una terapia del dolore e infiammazione senza gli effetti collaterali dei farmaci.

La cervicobrachialgia è  frequentemente causata dall’ artrosi ovvero una malattia cronica delle cartilagini articolari, che interessa successivamente l’osso, la sinovia e  la capsula. Gli anziani sono particolarmente esposti, ma la cervicobrachialgia coinvolge  fasce sempre più giovani della popolazione. Sopratutto sedentarietà diffusa, uso eccessivo di telefonia mobile e computer contribuiscono  insieme a tutte le altre cause alla diffusione del disturbo tra giovani. La cervicobrachialgia  può essere  causata  da fattori costituzionali e ambientali  o da fattori scatenanti quali traumi.   Le forme più impegnative di cervicobrachialgia evidenziano oltre al dolore altri sintomi  caratteristici : limitazione funzionale, dolore  alla cervicale, dolore all’inizio del movimento,  dolore la mattina, nausea, vomito, scotomi scintillanti, scotomi scuri, dolore alla spalla e al braccio, parestesie, insicuro uso della mano, ripercussioni cognitive su memoria e concentrazione.

La cura convenzionale della cervicobrachialgia prevede l’uso di terapia farmacologica antinfiammatoria analgesica e cortisonica. La fisiochinesiterapia  è somministrata in  prevenzione e per il recupero funzionale.   L’ omotossicologia iniettabile è una terapia utile per la gestire la cervicobrachialgia senza esporre il paziente a terapia farmacologica o invasiva. Il suo valore non risiede soltanto nell’analgesia,  tramite gli effetti miorilassanti antiinfiammatori agisce sulle cause della malattia.  Il pregio del trattamento  risiede proprio nel fornire uno strumento validoma anche per la prevenzione delle recidive oltre che certamente  per  cura delle fasi acute.  Il trattamento  è maggiormente efficiente se calibrato tramite l’ esame della composizione corporea. L’ esame valuta la massa muscolare, idratazione, il collagene e la acidità tissulare, tutti parametri essenziali per impostare correttamente la terapia. n genere, le sedute terapeutiche sono a cadenza settimanale o bisettimanale a cicli ripetuti scansionati nel tempo.

L’  omotossicologia iniettabile è uno strumento adottato per la cura dei pazienti  privo di effetti collaterali degni di nota.  Prescrivere e somministrare questa terapia è atto medico in Italia. .L’ iscrizione presso l’ Ordine dei Medici e presso il Registro dei medici che praticano  sia agopuntura, sia la medicina omotossicologica, sono una indicazione per il paziente sulla qualità della formazione ricevuta dell’operatore. La metodica non si contrappone ne sostituisce le linee guida della medicina convenzionale , ma al contrario stabilisce con esse una virtuosa sinergia e una straordinaria opportunità anche a livello di prevenzione.

Dott. Fabio Elvio Farello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *